giovedì 3 dicembre 2015

MIGHTY FM 7x07 - RIVAL CONSOLES "howl"


FAI CLIC DESTRO PER SCARICARE IL PODCAST
MIGHTY FM è spesso sensibile a fascinazioni improvvise e colpi di fulmine ed è sull'onda del solito genuino entusiasmo che dedica la nuova puntata a RIVAL CONSOLES, pseudonimo scelto da Ryan Lee West, possibile appassionato di videogiochi e polistrumentista inglese. Chitarrista di formazione, Ryan inizia a comporre a 12 anni e grazie ad un demo diventa il primo artista dell'Erased Tapes Record, o meglio: ascoltando quel suo primo lavoro (realizzato sotto il nome Aparatec) il fondatore Robert Raths decise nel 2007 di dare vita ad un'etichetta divenuta famosa negli anni grazie a nomi quali Nils Frahm, Ólafur Arnalds e A Winged Victory for the Sullen. Se questo è l'alveo nel quale Rival Consoles ha sempre operato si può capire come l'universo sonoro di riferimento sia quello dell'avanguardia e sperimentazione basata sul connubio tra strumentazione classica di stampo sinfonico-orchestrale e suoni/elaborazioni elettronico-digitali. "Howl", terzo album a cui si affiancano svariati ep che, muovendo da suoni tra Aphex Twin e Daft Punk hanno segnato un percorso volto alla ricerca di una sempre maggiore organicità e naturalità nel suono sintetico, si compone di nove tracce strumentali che nascono analogiche e che, filtrate ed elaborate dalle macchine, non perdono ma anzi acquistano profondità emotiva. Non ci sono testi che comunichino sentimenti o emozioni, a parte qualche campionamento vocale: sono gli strati di synth con inserti 'biologici' di batteria o violoncello che incarnano la natura umana del disco riassunta da Rival Consoles nell''urlo' scelto come titolo. Una techno ambientale che si è guadagnata l'apprezzamento di 'numi di riferimento' come Clark e Jon Hopkins e che - nelle parole del suo autore - libera la creatività da quella 'memoria muscolare' che le mani acquisiscono suonando uno strumento. Con Kiasmos, Douglas Dare, Nils Frahm, Clark, DJ Richard, Aphex Twin, Nosaj Thing, Max Cooper e André Bratten.

Nessun commento:

Posta un commento