martedì 20 dicembre 2016

MIGHTY FM 8x08 - The Mighty Pitchfork Best Songs of 2016 - SECONDA PARTE



FAI CLIC DESTRO PER SCARICARE IL PODCAST

MIGHTY FM presenta la seconda parte dello speciale che, partendo dalla classifica annuale dell'autorevole Pitchfork Media, racconta le canzoni che più ci hanno appassionato, interessato o semplicemente incuriosito. Certo, dopo una prima puntata interlocutoria adesso arrivano i pezzi grossi, così grossi che non stanno neanche in un'ora e mezza! Ripartiremo dalla 46ma posizione fino ad arrivare alla prima, direte voi...e invece no, non solo non ascolteremo la number one secondo Pitchfork ma ci permetteremo anche di cambiare l'ordine delle posizioni più alte per crearne uno tutto nostro. Con Angel Olsen, ANOHNI, Beyoncé, Blood Orange, Bon Iver, Car Seat Headrest, David Bowie, Frank Ocean, Hamilton Leithauser + Rostam, Jenny Hval, Jessy Lanza, Joey Purp, Kanye West, Kevin Morby, Leonard Cohen, Mitski, Nick Cave & The Bad Seeds, Radiohead, Solange e Weyes Blood.

giovedì 15 dicembre 2016

MIGHTY FM 8x07 - The Mighty Pitchfork Best Songs of 2016 - PRIMA PARTE



FAI CLIC DESTRO PER SCARICARE IL PODCAST
Alla vigilia del nuovo anno è abitudine fare bilanci di tutti i tipi: noi a MIGHTY FM facciamo il riassunto delle migliori canzoni dell'anno 'liberamente tratto' dalla classifica stilata da Pitchfork, sito di informazione e critica musicale che in quanto tale si autodefinisce "la voce più fidata della musica" o una cosa del genere...un po' come la Settimana Enigmistica si definisce "la rivista che vanta innumerevoli tentativi di imitazione" ecco. Chi conosce MIGHTY FM sa che c'è un rapporto di amore-odio tra la nostra trasmissione e Pitchfork: pur attingendo ad essa per notizie e recensioni, per conoscere le ultime uscite ed allargare i nostri orizzonti, le imputiamo però un eccessivo "americacentrismo". La cosa in sé è assolutamente legittima ma diventa un limite insuperabile nel momento in cui Pitchfork si propone come il media musicale più autorevole in assoluto. Detto ciò, noi come al solito ascoltiamo con curiosità ciò che non conosciamo estrapolando ciò che più ci piace e quest'anno i pezzi interessanti sono così numerosi da dover fare addirittura due puntate! Inizieremo dunque giovedì 15 alle 18 per finire la nostra carrellata martedì 20 alle 20.30 (così poi siamo a posto per le repliche natalizie ;)).

martedì 29 novembre 2016

MIGHTY FM 8x06 - MEXEFEST 2016, LISBOA



FAI CLIC DESTRO PER SCARICARE IL PODCAST
Portogallo paese del nostro cuore e paese pieno di musica. Non è un cliché, un luogo comune: nonostante la popolazione e l'estensione modeste, la nazione lusitana trabocca di musicisti e artisti in generale e la fruizione della musica è un'attività popolare generalizzata e soprattutto intergenerazionale. A partire dall'accessibilità dei prezzi dei festival - spesso preferiti come alternativa alle ferie/vacanze più costose - la tradizione festivaliera copre ogni stagione e genere. Come diciamo spesso a MIGHTY FM, quello che per noi è 'alternativo' o di nicchia qui (perché qui siamo in questo momento) aggrada ai più, l'età media è significativamente più alta e - soprattutto ai grandi eventi estivi - non è affatto raro vedere gruppi familiari composti da coppie attempate con figli accasati e nipoti in carrozzina. Detto ciò passiamo a dire che la Vodafone in Portogallo (anche attraverso una stazione radio, Vodafone FM, la cui programmazione musicale è molto simile a quella di Radio Kairos ;)), sponsorizza due grandi eventi musicali: lo storico festival di Ferragosto a Paredes de Coura, nel nord del paese e da qualche anno il Mexefest, eminentemente autunnale ed urbano a Lisbona. Il concetto è muoversi (dal verbo mexer) da un luogo all'altro lungo l'asse di Avenida da Liberdade che congiunge il grande parco Eduardo VII in collina con la Baixa verso il fiume Tejo o Tago che dir si voglia. E i luoghi in questione sono simboli della vita culturale della città (il cinema São Jorge, il Teatro Tivoli, il Coliseu dos Recreios ecc.) e spazi adibiti a sale concerto come la meravigliosa sala ottocentesca della Sociedade de Geografia, il garage dell'ente che gestisce le risorse idriche o - particolarmente suggestiva - l'area esterna della stazione di Rossio. E per non stare neanche un momento senza musica, band e dj si esibiscono anche sul bus navetta che corre lungo il suddetto asse o in altre piazze adiacenti. L'edizione 2016 si è svolta il 25-26 novembre scorso e la playlist che MIGHTY FM propone a posteriori condensa quello che abbiamo visto e che più ci è piaciuto, ecco. Con The Invisible, Baio, Ganso, NAO, Sunflower Beans, Jagwar Ma, Meg Baird, Gallant, Kevin Morby, Elza Soares, Whitney, Octa Push e Branko.

giovedì 17 novembre 2016

MIGHTY FM 8x05 - HIS CLANCYNESS "isolation culture"


E' con estremo piacere ed un po' di soggezione che MIGHTY FM dedica la sua ultima monografia a HIS CLANCYNESS, uno dei migliori prodotti d'esportazione di Bologna, mortadella e tortellini esclusi. Ma se le coordinate geografiche sono emiliane quelle anagrafiche e musicali toccano le sponde canadesi (e lo sciroppo d'acero, per mantenere i paragoni gastronimici) perché l'input principale - intuibile anche dal nome della band - viene da Jonathan Clancy, musicista puro. Sì perché negli ultimi 15 anni Jonathan non ha mai smesso di suonare, scrivere testi, comporre musica, andare in tour, e sfornare dischi attraverso tre incarnazioni: Settlefish, A Classic Education e His Clancyness. Iniziato infatti come progetto solista durante l'attività di A Classic Education, Sua Clancytà o Clancytudine si è trasformato presto in un quartetto che nella sua forma attuale e speriamo definitiva è una vera macchina da guerriglia indierock'n'roll. "Isolation Culture" arriva dopo l'ottimo "Vicious" del 2013 in cui era già contenuta tutta l'esperienza passata e i molteplici influssi della musica "alternativa" degli ultimi 50 anni, da Bowie e Reed fino alle scene indie di Brooklyn e Toronto, il tutto amalgamato dalla innata capacità di JC di fare canzoni, abbiano esse un tono punk, garage, psichedelico, new wave, motorik, glam o anche twee. Insieme a Giulia Mazza (già A Classic Education, autrice di foto e artwork della band), Jacopo Beta Borazzo (già Disco Drive) e Nico Pasquini (Buzz Aldrin, Stromboli pasando per Fake Samoa), Clancy ci presenta un lavoro che contiene tutte le influenze note distillate in un suono ormai riconoscibile come proprio, quasi un concept album sulle modalità di interagire contemporanee, sull'essere costantemente connessi ma in fondo soli nella fruizione degli innumerevoli stimoli che ci bombardano, sia di contenuto culturale che meramente commerciale. Ecco. E con lo stesso spirito con cui His Clancyness chiamò altre band amiche sul palco del Locomotiv nel 2014, a MIGHTY FM vogliamo fare una piccola celebrazione della buona musica che nasce dalle nostre parti affiancando agli ovvi Settlefish e A Classic Education, Giardini di Mirò, GIUNGLA, Stromboli, Hallelujah! e Melampus, più Broken Social Scene, Kurt Vile, Hookworms, Deerhunter e Swell Maps!

giovedì 27 ottobre 2016

MIGHTY FM 8x04 - CLUB to CLUB FESTIVAL 16, TORINO



E' con grande entusiasmo e anticipazione che MIGHTY FM si proietta a Torino per parlare e soprattutto ascoltare gran parte degli artisti della 16ma edizione di Club to Club, punta di diamante dei festival italiani dedicati alle nuove frontiere della musica elettronica, tra scene emergenti e avanguardie passate e presenti senza dimenticare le mutazioni del pop contemporaneo. Da mercoledì 2 a domenica 6 novembre Club to Club occuperà spazi gloriosi con la grande inaugurazione presso la reggia sabauda di Venarìa, spazi post-industriali come quelli di Lingotto Fiere e spazi urbani come il quartiere multietnico e centro pulsante della nightlife torinese San Salvario. Una linea artistica radicale e futuristica rappresentata da artisti che espandono e scardinano i confini dei generi musicali - se ancora ha senso parlare di generi se non come vago punto di partenza - catapultandosi oltre e gettando le basi per altri e sorprendenti sviluppi. A nomi storici come Swans, Autechre e Dj Shadow si affiancheranno agitator* rivoluzionar* come Arca e Elysia Crampton, nomi emergenti di nuove subculture musicali dalla Svezia al Sudafrica, esibizioni speciali come quelle di Arto Lindsay e Junun con (anche) Jonny Greenwood. Presente il contingente canadese con Daphni, Junior Boys e Jessy Lanza, quello britannico coi portabandiera Jon Hopkins e Andy Stott seguiti dalle nuove leve Powell, Koreless e Mura Masa senza dimenticare il drappello italiano con Populous, Jolly Mare, Ghali e Nan Kolè. Inserita nell'ambito di Contemporary Art Torino+Piemonte - la fiera Artissima si terrà all'Oval, proprio dietro a Lingotto Fiere - Club to Club proporrà per il terzo anno il ciclo di incontri, workshop e proiezioni di Absolut Symposium e il bloc party domenicale curato da Warp Records. Cercando sempre di essere massimalist* come solo MIGHTY FM sa essere, oltre a quasi tutti i summenzionati ascolteremo Anna Von Hausswolff, Nick Murphy (ex Chet Faker), Fatima Yamaha, Toxe, Amnesia Scanner, Lafawndah, Forest Swords, Tim Hecker, M.E.S.H., Gaika, Tim Hecker, DJ LAG, One Circle e L-VIS 1990...BOOM! www.clubtoclub.it

giovedì 20 ottobre 2016

MIGHTY FM 8x03 - a PETER MURPHY tribute


Chi non ricorda la lunga sequenza iniziale di The Hunger, monopolizzata dalle movenze animalesche e dallo sguardo ipnotizzante di Peter Murphy? Quasi 40 anni sono passati da quando venne convinto quasi a forza ad entrare nei Bauhaus e quindi nella storia delle subculture giovanili di fine '900, o meglio e a pieno titolo, nella storia della musica e del costume. Un flusso di produzione costante, dal primo progetto post-Bauhaus con Mick Karn ai suoi molteplici lavori solisti succedutisi con (relativa) regolarità fino all'ultimo album, "Lion", del 2014. "Padrino del Goth", il physique du rôle perfetto della creatura notturna, inquietante, vampiresca: dal summenzionato film al cameo in "Twilight - Eclpise", nonché modello per il Corvo dell'omonimo fumetto. Peter Murphy, concentrato di carisma e mistero, ha convertito progressivamente l'aura 'maledetta' dell'inizio in quella da moderno sciamano. Ma la notizia fondamentale e la ragione di questo percorso lungo il viale della memoria è che Peter Murphy comes to town e forse mai avremmo pensato di poterlo vedere così da vicino nella data bolognese del suo 'Stripped' tour, un'esibizione semi-acustica che ripercorre la sua carriera. Un evento che merita quindi una puntata tributo di MIGHTY FM, prima nel suo genere. Quando, dove? Mercoledì 26 ottobre @ LOCOMOTIV CLUB Bologna ma prima su Radio Kairos ;) Con Bauhaus, Dalis Car, Japan, This Mortal Coil, Dead Can Dance, Nine Inch Nails, Cult, David Bowie e...Duran Duran.

giovedì 13 ottobre 2016

MIGHTY FM 8x02 - INDIE PRIDE, indipendenti contro l'omofobia 2016


L'omofobia è una cosa brutta, la musica indipendente è una cosa bella: da qui il naturale passo di convogliare più realtà musicali possibili - prevalentemente italiane - sotto la bandiera della lotta all'omofobia. L'idea nasce nel 2012 e giunge quindi all'importante traguardo della quinta edizione che si svolgerà al TPO di Bologna sabato 22 ottobre. La 'mission' di un combattivo gruppo di donne che ha deciso di unire la promozione musicale alla militanza è semplice e chiara: "Indie Pride – Indipendenti contro l’Omofobia è l’associazione italiana attraverso la quale artisti e addetti ai lavori del mercato discografico si uniscono per dire basta all’omofobia e al bullismo, in supporto ai diritti LGBT, attraverso eventi musicali sul territorio." E questo hanno fatto col supporto di molte realtà bolognesi e nazionali, dalle etichette discografiche ai club, dalle radio ai magazine musicali. Radio Kairos stessa è da sempre al fianco di Indie Pride e quest'anno darà ancora più consistenza alla sua media partnesrhip: la serata andrà in onda in diretta streaming ascoltabile sul sito www.radiokairos.it e naturalmente via radiolina sui 105.85 mhz in città. In preparazione e supporto all'evento di sabato 22 (da ricordare la serata che ahimè ci siamo pers* a giugno in occasione del Biografilm Festival con Niagara, L I M e Giungla), l'ultimo appuntamento di finanziamento si svolgerà venerdì 14 ottobre al Barattolo di Via del Borgo di San Pietro con il live di Fiorino.. Ma chi si esibirà invece sul palco del TPO? Ci saranno Nada con ...A Toys Orchestra, Pierpaolo Capovilla, Giorgieness, Erio, La Rappresentante di Lista e i dj set caciaroni di Garrincha Soundsytem con KEATON e i Teppa Bros e tutti ce li ascolteremo facendo anche due chiacchiere con chi questa bella cosa la organizza.

martedì 4 ottobre 2016

MIGHTY FM 8x01 - roBOt FESTIVAL 09 'what comes next'


MIGHTY FM inaugura la nuova stagione con un appuntamento ormai tradizionale del caldo mese di ottobre, il roBOt Festival. Ci sono state vertigini, poi ricordi perduti ed infine accelerazioni che hanno portato nel 2015 ad una battuta d’arresto, ad una pausa di riflessione. Solo temporanea però. Ed è da qui, dal caso del ‘buco’ economico a consuntivo dell’edizione 2015 che tanto scalpore ha fatto nella nostra – in fondo – provincialotta Bologna, che l’associazione Shape riprende il suo cammino di ricerca lungo quelli che, da sempre, sono i contenuti portanti della rassegna: i percorsi digitali che attraversano musica ed arte. La metafora del reboot, operazione di “riavvio di un computer resasi necessario a seguito di azioni che hanno compromesso la stabilità o le prestazioni della macchina” viene proposta anche nell’accezione in cui viene usata nel campo dei prodotti di entertainment audiovisivo, ovvero un nuovo inizio in cui stessi attori agiscono in altri contesti e altre trame. Dopo tale doverosa premessa entriamo finalmente nel vivo della notizia ovvero che da mercoledì 5 a sabato 8 roBot Festival animerà gli spazi dell’Ex Ospedale dei Bastardini e – per la festa di chiusura – del Cassero. La sperimentazione nel campo dell’interazione tra suono e tecnologie digitali è sempre stato un tratto distintivo della rassegna accanto alla presenza di grandi nomi del clubbing di sicuro richiamo: quest’anno il tema portante è WHAT COMES NEXT, quali sono i suoni e “i grandi nomi di domani, intercettati nell’istante immediatamente precedente all’esplosione”. Tra gli eventi che vogliamo segnalare, la mostra fotografica “Beyond The Noise” in collaborazione con Red Bull Academy, l’esclusivissimo e già sold out SLEEP CONCERT: “The Repetition of Dreams” di Rabih Beaini, il progetto LiveSoudtracks a cura dello stesso Beaini con Vincent Moon e la mostra “WHO” di Cinzia Campolese alla galleria Adiacenze (in esposizione già 28 settembre). Sì, ma la musica? Da ballare o ascoltare in pura contemplazione? Oggi a MIGHTY FM illustreremo tutta la programmazione musicale ascoltando pezzi di Aurora Halal, Beatrice Dillon, Space Dimension Controller, Hieroglyphic Being, Fabrizio Mammarella, Peggy Gou, Evil Twin, Paolo Iocca, Volwerk Folletto, Nas1, Dwarves of East Agouza, Presente, Lumsokea, Verotika, Nicola Ratti, Petite Singe, Mop Mop, Inner Lakes, Primitive Art, Nudge, Stingray 313, Route 8 & The Analogue Cops. Reboottiamoci, su!

giovedì 30 giugno 2016

MIGHTY FM 7x20 - SEXTO 'NPLUGGED 2016


Siamo giunt* alla fine di questa stagione radiofonica e la chiudiamo in bellezza parlando di una rassegna a cui MIGHTY FM è molto affezionat*, SEXTO'NPLUGGED. Nato e prosperato nel piccolo paese di Sesto al Reghena in provincia di Pordenone al limite col Veneto, il festival da 11 anni propone un cartellone alternativo e raffinato, coniugando proposte folk-acustiche con artisti di stampo più 'sinfonico-orchestrale', complice la specialissima cornice di Piazza Castello in cui si svolgono i concerti. Non a caso il motto dell'evento è 'quando il luogo determina la musica', grazie all'atmosfera raccolta e suggestiva creata dallo spazio in cui spicca il complesso abbaziale. I nomi in cartellone quest'anno saranno - a partire dal 5 luglio - Glen Hansard con The Lost Brothers, Kings of Convenience, The Lumineers, Josh T. Pearson con Ry X e, per finire in bellezza, Daughter con Public Service Broadcasting. Ne parleremo con l'organizzatore Daniele Terzariol ascoltando tanta bella musica!

giovedì 19 maggio 2016

MIGHTY FM 7x19 - ASTRO FESTIVAL @ FERRARA SOTTO LE STELLE


MIGHTY FM ritorna in onda per parlare di uno degli ultimi grandi eventi annunciati recentemente che si aggiunge al prestigioso cartellone della più che ventennale rassegna Ferrara Sotto Le Stelle. Ogni anno siamo abituat* ad aspettarci i nomi più importanti della stagione musicale ma un concentrato di electronic music-all stars come quello presentato nella serata dell'ASTRO FESTIVAL del 16 giugno prossimo è stata davvero una grande e gradita sopresa. Grazie a DNA concerti e 3D/DNA-Dance Department in collaborazione con roBot Festival si potrà assistere alle esibizioni della crema della scena internazionale e italiana: artisti che uniscono la perizia tecnica con un grande gusto e stile, l'intellighenzia della club culture, va'. In Piazza Castello e nel cortile del Castello Estense arriveranno nomi ormai largamente familiari come Four Tet e new entry a MIGHTY FM come i Junior Boys; con loro il caro Caribou, ancora il neuroscienziato Floating Points e i due salentini doc Jolly Mare e Populous. Astro Festival, le stelle più belle del firmamento dance.

giovedì 5 maggio 2016

MIGHTY FM 7x18 - SPRING ATTITUDE Festival, ROMA


Dopo l'Elita DWF e il Primavera Sound di Porto (che si svolge a giugno ma parlandone ad aprile speriamo di aver invogliato qualcuno a prenotare l'aereo), arriva per il terzo anno consecutivo il turno di SPRING ATTITUDE, happening musicale romano dedito all'elettronica e alla sperimentazione, alle installazioni e alle performance basate sul digitale. Passato a tre giornate già nel 2015, il festival si svolgerà dal 19 al 21 maggio prossimi venturi presentando quasi 40 artisti con un'attenzione particolare per le realtà italiane, sempre più interessanti e numerose. I luoghi della rassegna saranno il 'classico' Spazio Novecento all'EUR, le Ex Caserme Guido Reni (che prendono idealmente il posto del MACRO Testaccio) e per il secondo anno la prestigiosa area del MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo (R.I.P. Zaha Hadid), a conferma di una propensione crescente per le proposte più artistiche e sperimentali che hanno per protagonista la musica elettronica. E proprio il MAXXI sarà la sede unica degli appuntamenti del primo giorno, giovedì 19, con il Lobby Stage, l'Auditorium e il piazzale che ospiterà una performance di videomapping. Venerdì 20 tutta la programmazione si sposta sull'altro lato della strada (Ex Caserme Guido Reni) con due palchi e lo spazio esterno 'attivo' nel pomeriggio di sabato 21. Il gran galà serale dell'ultima giornata si svolgerà come di consueto - principalmente - nel salone del Palazzo dell'Arte Antica (Spazio900), tutto marmi e cristalli. Con Gold Panda, Acid Arab, Red Axes, Giorgio Gigli, Pantha du Prince, Dorian Concept, Clap!Clap!, Dj Tennis, Rone, Jessy Lanza, Lust For Youth, Cosmo, Go Dugong, ANUDO, Young Marco, MA Spaventi, Lamusa, Matthew Herbert, IOSONOUNCANE, Hunee, Not Waving, Dj Paypal, Matilde Davoli e il nostro amico Alberto aka Bienoise :)

giovedì 28 aprile 2016

MIGHTY FM 7x17 - NOS Primavera Sound Festival PORTO II


Seconda puntata speciale di MIGHTY FM ad esplicazione ed illustrazione ma soprattutto ascolto con attenzione degli artisti che si esibiranno al Primavera Sound di Porto. Dopo aver trattato nella quasi totalità le prime due giornate riprendiamo il discorso con Roosevelt, Savages, Tortoise e White Haus 'rimasti fuori' dalla precedente puntata e integriamo con la programmazione di sabato 11 che vedrà esibirsi Air, Algiers, Autolux, Bardo Pond, Battles, Car Seat Headrest, Chairlift (mighty fm 7x10), Drive Like Jehu, Explosions in the Sky, Fort Romeau, Linda Martini, Loop, Manel, Moderat, Neil Michael Hagerty & The Howling Hex, Royal Headache, Shellac, Titus Andronicus, Ty Segall & The Muggers e Unsane...e siccome MIGHTY FM è filologicamente ineccepibile li ascolteremo TUTTI! In collaborazione con Sfera Cubica e A Buzz Supreme.

giovedì 21 aprile 2016

MIGHTY FM 7x16 - NOS Primavera Sound Festival PORTO I


Il fratellino portoghese del Primavera Sound Festival di Barcellona compie 5 anni e festeggia la sua crescente visibilità, popolarità e rispettabilità nel solito modo misurato e un po' riservato, tipico della città che lo ospita: Porto. Città di fiume con vocazione oceanica, un tempo crocevia di traffici mercantili tra Europa e Nuovo Mondo e che dopo secoli di decadenza si rimette a nuovo, anno dopo anno. Nell'ambito di un grandioso progetto di riqualificazione dare vita al NOS (ex Optimus) Primavera Sound è stata una mossa vincente per attirare folle di appassionati di musica che cerchino un bel cartellone a un ottimo prezzo in una città molto accattivante per cultura-storia-geografia ed enogastronomia. Esperienza resa oltremodo piacevole dal contesto del Parque da Cidade, un concentrato di colline, laghetti, boschi e prati fronte oceano in cui si svolge la rassegna. Le date quest'anno sono giovedì 9, venerdì 10 e sabato 11 giugno e si comincia come sempre piano piano il primo giorno con 8 live alternati sui due palchi principali, NOS e Super Bock a cui si aggiungeranno poi (salvo novità) gli stage targati ATP e Pitchfork. In questa prima puntata speciale ascolteremo 24 dei 48 partecipanti (tra cui diversi artisti a cui MIGHTY FM ha già dedicato le sue monografie) coprendo quasi del tutto le prime due giornate. Si parte quindi con Animal Collective, Deerhunter, Julia Holter, Parquet Courts, Sensible Soccers, Sigur Ròs, U.S. Girls e Wild Nothing e si prosegue con Beach House, BEAK>, The Black Madonna, Brian Wilson, Cass McCombs, Destroyer, Dinosaur Jr., Empress Of, Floating Points, Freddie Gibbs, Holly Herndon, Kiasmos, Mudhoney, Mueran Hermanos, PJ Harvey e Protomartyr...e al diavolo chi dice "Se non ci sono manco gli LCD non vale la pena"! In collaborazione con Sfera Cubica e A Buzz Supreme!

giovedì 7 aprile 2016

MIGHTY FM 7x15 - Elita DESIGN WEEK FESTIVAL 11 - #insiders


Come ogni anno tocca all'Elita Design Week ad inaugurare la stagione dei festival di MIGHTY FM. Evento giunto all'undicesima edizione ed appuntamento di pregio a corredo dell'altrettanto prestigioso Salone del Mobile di Milano, il DWF adotta ogni anno un concetto che si trasforma in trending topic grazie all'imprescindibile hashtag. Le scorse edizioni che abbiamo seguito sono state all'insegna della commistione tra generi, della creazione di spazi nella città e all'assenza di confini: quest'anno il festival - dal 13 al 17 aprile - si presenta sotto una veste nuova presentando i suoi eventi in maniera nomade, da esperti conoscitori e scopritori dei luoghi milanesi, vecchi e nuovi, da veri #insiders insomma. Il DWF11 privilegia il lato in continuo cambiamento di Elita per manifestarsi in spazi diversi e diventare così l'anima mutevole e segreta della settimana del Salone del Mobile. Festival caratterizzato dalla costante ricerca e selezione di contenuti innovativi, l'edizione 2016 presenta un programma integrato con gli appuntamenti della Design Week offrendo ad ogni giornata l'ideale coronamento musicale. Si parte mercoledì 13 con un block party sui Navigli animato dall'etichetta catalana Hivern Disc e dalle sue punte di diamante: John Talabot, Pional e Marc Piñol. Nei giorni successivi potremo ascoltare e ballare: Mind Against, Solomun, Johannes Brecht, Undercatt, il collaudato set di 4 ore di Daphni e Floating Points, Jennifer Cardini, Whitesquare, DJ Jazzy Jeff, Onra, Anthony Naples, Tornado Wallace & Ben Pearce. Da non perdere per i bolognesi la preview del DWF venerdì 8 aprile al Kindergarten con uno dei fondatori di Elita, Manfredi Romano in arte DJ Tennis, Gommage Dj Team e Angelo Andina a cura di Razor | Get Sharp.

giovedì 31 marzo 2016

MIGHTY FM 7x14 - SANTIGOLD "99¢"


Era il 2008 quando Santi White esordì con l'album omonimo (ai tempi) "Santogold": un mix irresistibile di new wave, dub, reggae, punk e purissimo pop. Dopo 4 anni la conferma con un album più introspettivo ma punteggiato da canzoni memorabili. I temi costanti di Santigold sono da sempre la creatività, l'integrità artistica e l'autenticità e da sempre i suoi pezzi sono usati per pubblicità di ogni tipo, dalle assicurazioni alla birra. Non sorprende dunque che ad ancora 4 anni di distanza arrivi "99¢", album in cui, unendo i temi della produzione artistica e del consumismo, Santi porta la contraddizione alle sue estreme conseguenze trasformando se stessa e tutta la sua vita in un prodotto commerciale a buon mercato. Tutto è vendibile e acquistabile, tutto ha un prezzo, anche minimo e tutto passa attraverso i media, social o meno. Una dichiarata volontà di critica alla società e alla perdita di valore (non solo economico) della musica, crollato anche a causa dei servizi di streaming che la rendono una commodity usa-e-getta in cui spess un pezzo trova temporaneamente posto in una playlist e poi viene sostituito con uno più recente. Detto questo, l'album poi non si cura più di tanto di queste grandi questioni preoccupandosi come sempre di regalarci quel misto di suoni e stili che fanno di Santigold una delle artiste (questo sì!) più eclettiche, audaci e bizzarre in circolazione, che passa dalla dancehall al pop scandinavo nel giro di quattro battute, che sa comporre ritornelli killer che si piazzano in testa e non ti lasciano più, anche grazie alla collaborazione di superhit-makers come Patrik Berger e Cathy Dennis, ('colpevoli' rispettivamente di 'Dancing On My Own' e 'I Love It' e di 'Can't Get You Out of My Head' e 'Toxic'), senza dimenticare il grande amore per il coté più indie rappresentato da Dave Sitek dei TV On The Radio e Rostam Batmanglij, ex-Vampire Weekend. Un disco non completamente riuscito ma - altra contraddizione - completamente soddisfacente, come quelle retine o buste di poco prezzo in cui tra tante cianfrusaglie trovi sempre qualcosa che ti ripaga della spesa. Con Res, Stiffed, M.I.A., N.E.R.D. e Julian Casablancas, Jay-Z, Diplo, Rostam, N.A.S.A., Chicks On Speed, Elastica, Trouble Andrew...e Bruce Springsteen!

giovedì 10 marzo 2016

MIGHTY FM 7x13 - WILD NOTHING "life of pause"


Il 'Selvaggio Nulla' emerge dal torpore della vita universitaria di Blacksburg, Virginia da cui Jack Tatum cerca di evadere creando musica ispirata al guitar-pop anni '80 ricco di riverberi dream-shoegaze. Era la fine degli 00's, anni in cui una nuova generazione di giovani americani costruisce templi da fan appassionati alla musica prodotta nel Regno Unito in un arco che approssimativamente inizia con i Cure e finisce con i My Bloody Valentine. I riferimenti sono sempre stati chiari ma, fin dall'acclamato debutto nel 2010 con "Gemini", c'è sempre stato qualcosa in più che ha distinto Wild Nothing dalla massa di semplici emuli: un talento naturale per la melodia e la capacità di creare un'atmosfera, un mood. Con "Nocturne" del 2012 il suono diventa più elegante e sofisticato, il pop di Jack Tatum esce dalla cameretta (o dal dormitorio) ed entra in uno studio con un produttore, il progetto solista si evolve in band, almeno sul palco. Il successivo ep del 2013, "Empty Estates", marca un'ulteriore tappa in un processo evolutivo costante di cui il nuovo terzo album "Life of Pause" è il temporaneo punto d'arrivo. Un disco che, al pari dell'ambiente mostrato in copertina, è arredato con ricchezza di particolari, gusto per oggetti curiosi, eleganti, materiali retrò e avvolgenti, in una progressione di pezzi attentamente progettata. A partire dal manifesto d'apertura di "Reichpop" in cui i pattern ripetitivi del padre del minimalismo vengono applicati alla new wave, ogni canzone è un esercizio di stile su un genere diverso, un omaggio alle varie ispirazioni che vanno da Morricone a Robert Fripp al soul di Filadelfia. Jack Tatum trae il massimo vantaggio dai mezzi a cui di volta in volta ha accesso: i colori della sua 'sonic palette' aumentano come anche la superficie su cui vengono applicati: dal blocco da schizzi dell'inizio alle grandi pareti affrescate di oggi. Autocompiacimento o puro spirito sperimentatore? A noi di MIGHTY FM continua a piacere moltissimo comunque. Con Talk Talk, The Pains of Being Pure at Heart, Beach House, DIIV, The Lotus Eaters, Mac DeMarco, Prefab Sprout, Beach Fossils & The Stone Roses.

giovedì 3 marzo 2016

MIGHTY FM 7x12 - SCHOOL OF SEVEN BELLS "sviib"


La storia di SCHOOL OF SEVEN BELLS giunge al capitolo finale: una vicenda umana e artistica decennale che MIGHTY FM vorrebbe raccontare bene. Galeotto un tour con gli Interpol, le sorelle Alejandra e Claudia Deheza con Benajmin Curtis decidono di dare vita a una band che prende il nome da una fantomatica accademia di borseggio colombiana e che nel giro di 5 anni ha prodotto un'incredibile quantità di musica condensata in 3 album e svariate collaborazioni. Pop rock con venature shoegaze ed elettroniche molto influenzato da sintetizzatori e caratterizzato da melodie vocali intrecciate e stratificate che perpetuano la discendenza di Liz Fraser e Siouxsie. La scena è ancora quella della vivacissima comunità di giovani musicisti che si concentra a Williamsburg, Brooklyn, New York. Nel tempo il trio diventa un duo portato avanti dall'indissolubile legame sentimentale e creativo tra Allie e Ben, anime gemelle al di là della relazione che finisce ma che non mette in dubbio l'esistenza di SVIIB - acronimo spurio dove VII = seven -, che dà il titolo all'ultimo lavoro creato prima e completato dopo la morte di Benjamin Curtis per una forma di leucemia alla fine del 2013. Ci sono voluti due anni, una fuga a Los Angeles e molto aiuto perché Alejandra riuscisse a pubblicare (release, nell'ulteriore accezione di 'lasciare andare') 9 canzoni pop eteree ed energiche, sognanti e ottimiste nella migliore tradizione della band. "Beat dreamers" animati da un'incrollabile fiducia nel potere della musica, nella meraviglia degli incontri, nell'ineluttabilità del destino, nel bene e nel male. Con Cocteau Twins, Love & Rockets, Secret Machines, Joey Ramone, Bat for Lashes, Bear In Heaven, Dot Allison, New Order, iamamiwhoami, On!Air!Library!...e Madonna.

giovedì 18 febbraio 2016

MIGHTY FM 7x11 - PORCHES. "pool"


Passa il tempo e MIGHTY FM non smette di cercare nuova musica, di appassionarsi a nuove melodie, di scoprire nuove band e dischi da condividere con chi ci ama e ci segue. A conquistarci stavolta è PORCHES., pseudonimo dietro cui si nasconde Aaron Maine, prolifico musicista newyorkese giunto al secondo album ufficiale dopo diversi lavori pubblicati su Bandcamp ed un disco - "Slow Dance in the Cosmos"- che ha suscitato l'interesse della Domino Records per cui esce il nuovissimo "Pool". Un lavoro che si distacca molto dal precedente per stile e costruzione: messo da parte l'indie-folkrock elettro-acustico da cantina Aaron esplora le potenzialità del digitale, di Logic e Auto-Tune, con un approccio diy casalingo, imperfetto per definizione ma autentico e genuino. Una strumentazione più idonea a percorrere una nuova direzione musicale che guarda indietro al cosiddetto "yacht rock" '70-'80 e al synth-pop futurista che emerse poco dopo ma anche al presente con tocchi dance contemporanei. Su tutto si staglia la voce chiara e precisa di Aaron, accattivante anche quando il tono è più distaccato, accompagnata spesso da quella della sua compagna Greta Kline aka Frankie Cosmos. Dodici canzoni che parlano di stati alterati, di attesa e lentezza ma soprattutto di acqua: la piscina del titolo come uno spazio in cui perdersi restando in sicurezza. Combattuto tra essere parte e stare in disparte, PORCHES. oscilla tra rassicurazione e inquietudine come quel "muscolo oscuro" che abbiamo nel petto. Con Ronald Paris, Blood Orange, LVL UP, Majical Cloudz, Frankie Cosmos, Mdou Moctar, Girlpool...e Christopher Cross.

giovedì 28 gennaio 2016

MIGHTY FM 7x10 - CHAIRLIFT "moth"


Un altro atteso ritorno per MIGHTY FM è quello dei CHAIRLIFT che dopo 4 anni tondi tondi tornano alla ribalta con "Moth", terzo album della loro carriera. Nati nel 2006 dall'incontro - artistico e sentimentale - di Caroline Polachek e Aaron Pfenning al college in Colorado, i Chairlift si trasferiscono a Brooklyn, epicentro di una scena musicale in fermento che in quegli anni vede la nascita di MGMT, Vampire Weekend, Yeasayer & Co. Dopo un massiccio successo grazie all'impiego del loro primo singolo - "Bruises" - in una pubblicità della Apple, un anno e mezzo di tour e l'uscita di Pfenning dalla band mettono a serio rischio l'esistenza della band. Sarà Patrick Wimberly, terzo defilato membro dei Chairlift, a creare i presupposti per "Something", l'album che li ha fatti conoscere anche al di qua dell'oceano grazie alla loro formula pop che riprende le sonorità più sghembe del synth-pop anni '80. Ma questi anni non sono stati certo di riposo, soprattutto per Caroline che ha inanellato collaborazioni importanti (da Sébastien Tellier a Beyoncé) e pubblicato un album solista con lo pseudonimo di Ramona Lisa. In "Moth" i Chairlift ribadiscono un approccio artistico-concettuale sempre molto attento al corredo coreografico/visuale della loro musica; un disco che dà voce alla costante fascinazione per l'Oriente da una parte e per il classicismo greco-romano dall'altra, sublimata in una attualissima dichiarazione d'amore per la città in cui vivono: New York. Con Telepathe, Grimes, Kate Bush, Sébastien Tellier, Japan, Rewards, Neon Indian, Ramona Lisa, Beyoncé, Talabot+Pional e David Bowie. E un'intrusione scioccante.

giovedì 14 gennaio 2016

MIGHTY FM 7x09 - DAUGHTER "not to disappear"


MIGHTY FM riprende le attività nel 2016 con un piccolo peso sul cuore e un disco a lungo atteso: il secondo lavoro di DAUGHTER, "Not To Disappear". Progetto creato in solitaria da Elena Tonra, londinese di origini italo-irlandesi, Daughter è diventato presto un trio e grazie a due ep pubblicati nel 2011 la band è entrata a far parte della gloriosa famiglia 4AD per la quale ha pubblicato l'album di esordio "If You Leave" nel 2013. Riduttivamente etichettati come 'indie folk' per la struttura musicale scarna incentrata su chitarra e voce, i Daughter in questo secondo lavoro allargano gli orizzonti, arricchiscono la strumentazione e variano atmosfere e ritmi. La continuità è garantita soprattutto dai temi toccati dai testi di Elena, vere "bombe emotive" che creano profonda empatia nell'ascoltatore. Canzoni dei Daughter sono così filtrate nel prodotto principe della cultura popolare contemporanea: le serie tv, da Grey's Anatomy a Skins, un po' come successo ad altre band considerate portavoce di un certo disagio post-adolescenziale; d'altra parte Elena Tonra ha iniziato a scrivere a 12 anni come reazione al bullismo subito a scuola e poi crescendo su "cose di cui è difficile parlare in età adulta". "Not To Disappear" supera dunque con successo la prova insidiosa del secondo disco, appagando i vecchi fan e conquistandone altri per la capacità dei Daughter di dare un suono ai colori più scuri dello spettro emozionale. Con Warpaint, Ben Howard, TORRES, Pavement, Sharon Van Etten, Jeff Buckley, Daft Punk e Jon Hopkins (in cover e remix)...e P. Lion.